Alliance Cicatrici
Colifagina S
Forum Infettivologico
Alliance Dermatite

Yescarta per il linfoma follicolare recidivante o refrattario dopo due o più linee di terapia sistemica, approvato dalla FDA


La Food and Drug Administration ( FDA ) statunitense ha concesso l'approvazione accelerata a Yescarta ( Axicabtagene ciloleucel; Axi-cel ) per il trattamento dei pazienti adulti con linfoma follicolare recidivante o refrattario dopo due o più linee di terapia sistemica.
L'approvazione rende Yescarta la prima terapia con cellule CAR-T approvata per i pazienti con linfoma follicolare indolente.

L'approvazione si basa sui risultati di ZUMA-5, uno studio in aperto a braccio singolo in cui il 91% dei pazienti con linfoma follicolare recidivante o refrattario ( n = 81 ) ha risposto a Yescarta, compreso circa il 74% dei pazienti in remissione continuata a 18 mesi ( stima Kaplan-Meier ).
Tra tutti i pazienti con linfoma follicolare, la durata mediana della risposta non è stata raggiunta a un follow-up mediano di 14.5 mesi.
Nel set di analisi di sicurezza ( n = 146 ), la sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) di grado 3 o superiore e le tossicità neurologiche si sono verificate rispettivamente nell'8% e nel 21% dei pazienti.

Per i pazienti con tumore follicolare in terza linea di terapia, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è solo del 20%, evidenziando l'urgente necessità di trattamenti che offrano una reale possibilità di remissione duratura.

Il 91% dei pazienti con linfoma follicolare nello studio ZUMA-5 ha risposto a una singola infusione di Axicabtagene ciloleucel, compreso circa il 74% dei pazienti in remissione continua a 18 mesi.

Le informazioni sulla prescrizione di Yescarta negli Stati Uniti contengono un Warning Boxed per i rischi di sindrome da rilascio di citochine e tossicità neurologiche.
Yescarta è stato approvato con una strategia di valutazione e mitigazione del rischio ( REMS ).

ZUMA-5 è uno studio multicentrico, in corso, a braccio singolo, in aperto, che sta valutando 146 pazienti ( di età pari o superiore a 18 anni ) con linfoma NHL indolente, recidivante o refrattario, che hanno ricevuto almeno due precedenti linee di terapia sistemica, inclusa la combinazione di un anticorpo monoclonale anti-CD20 e un agente alchilante.
L'efficacia è stata stabilita sulla base del tasso di risposta oggettiva ( ORR ) e della durata della risposta ( DoR ) secondo un Comitato di revisione indipendente in base alla classificazione di Lugano 2014.

Nello studio, il 91% di tutti i pazienti con linfoma follicolare ( n = 81; valutabile per l'analisi di efficacia ) ha risposto a una singola infusione di Yescarta, compreso il 60% dei pazienti che hanno raggiunto una remissione completa.
Tredici dei 25 pazienti che hanno raggiunto una remissione parziale hanno soddisfatto i criteri di imaging per una remissione completa senza conferma da biopsia del midollo osseo negativa dopo il trattamento.
La durata mediana della risposta non è stata ancora raggiunta.

Tra i 146 pazienti valutabili per la sicurezza, la sindrome da rilascio di citochine di grado 3 o superiore e le tossicità neurologiche sono state osservate rispettivamente nell'8% e nel 21% dei pazienti.
Il tempo mediano all'insorgenza della sindrome da rilascio di citochine e delle tossicità neurologiche è stato rispettivamente di 4 giorni ( intervallo: da 1 a 20 giorni ) e di 6 giorni ( intervallo: da 1 a 79 giorni ).
Le reazioni avverse di grado 3 o superiore più comuni ( 10% o più ) includevano: neutropenia febbrile, encefalopatia e infezioni da patogeni non-specificati.

Yescarta è una immunoterapia con cellule T autologhe geneticamente modificate diretta a CD19, che è indicata per il trattamento di:

a) pazienti adulti con linfoma a grandi cellule B recidivante o refrattario dopo due o più linee di terapia sistemica, incluso linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) non-altrimenti specificato, linfoma primitivo del mediastino a grandi cellule B, linfoma a cellule B di alto grado e linfoma DLBCL derivante da linfoma follicolare. Yescarta non è indicato per il trattamento dei pazienti con linfoma primario del sistema nervoso centrale;

b) pazienti adulti con linfoma follicolare recidivante o refrattario dopo due o più linee di terapia sistemica. Questa indicazione è stata approvata con approvazione accelerata basata sul tasso di risposta. L'approvazione continua per questa indicazione è subordinata alla verifica e alla descrizione del beneficio clinico negli studi di conferma.

Il linfoma follicolare è una forma di linfoma non-Hodgkin indolente ( iNHL ) in cui i tumori maligni crescono lentamente ma possono diventare più aggressivi nel tempo.
Il linfoma follicolare è la forma più comune di linfoma indolente ed è il secondo tipo più comune di linfoma a livello globale. Rappresenta circa il 22% di tutti i linfomi diagnosticati in tutto il mondo. ( Xagena2021 )

Fonte: Kite Pharma, 2021

Emo2021 Onco2021 Med2021 Farma2021


Indietro