Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Uso di cellule natural killer trasdotte con recettore CAR nei tumori linfoidi CD19-positivi


La terapia con cellule T trasdotte con recettore chimerico per l'antigene anti-CD19 ( CAR ) ha mostrato una notevole efficacia clinica nei tumori a cellule B.
Tuttavia, le cellule CAR T possono indurre effetti tossici sostanziali e la fabbricazione delle cellule è complessa.
Le cellule natural killer ( NK ) modificate per esprimere un CAR anti-CD19 hanno il potenziale per superare queste limitazioni.

In uno studio di fase 1 e 2 sono state somministrate cellule CAR-NK anti-CD19 non HLA-abbinate derivate dal sangue cordonale a 11 pazienti con tumori CD19-positivi recidivanti o refrattari ( linfoma non-Hodgkin o leucemia linfatica cronica, CLL ).

Le cellule NK sono state trasdotte con un vettore retrovirale con espressione di geni che codificano CAR-anti-CD19, interleuchina-15, e caspasi 9 inducibile come interruttore di sicurezza.
Le cellule sono state espanse ex vivo e somministrate in un'unica infusione a una delle tre dosi ( 1 x 105, 1 x 106 o 1 x 107 cellule CAR-NK per kg di peso corporeo ) dopo chemioterapia linfodepletante.

La somministrazione di cellule CAR-NK non è stata associata allo sviluppo della sindrome da rilascio di citochine, neurotossicità o malattia del trapianto contro l'ospite e non vi è stato alcun aumento dei livelli di citochine infiammatorie, inclusa l'interleuchina-6, al di sopra del basale.

Non è stata raggiunta la dose massima tollerata.

Degli 11 pazienti trattati, 8 ( 73% ) hanno avuto una risposta; di questi pazienti, 7 ( 4 con linfoma e 3 con leucemia linfatica cronica ) hanno avuto remissione completa e 1 remissione della componente di trasformazione di Richter ma con leucemia linfatica cronica persistente.
Le risposte sono state rapide e osservate entro 30 giorni dall'infusione a tutti i livelli di dose. Le cellule CAR-NK infuse hanno dimostrato di espandersi e persistere a livelli bassi per almeno 12 mesi.

Tra gli 11 pazienti con tumori CD19-positivi recidivanti o refrattari, la maggioranza ha avuto una risposta al trattamento con cellule CAR-NK senza lo sviluppo di importanti effetti tossici. ( Xagena2020 )

Liu E et al, N Engl J Med 2020; 382: 545-553

Med2020 Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro