XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase

Una combinazione di cellule CAR-T umanizzate anti-CD19 e anti-BCMA nei pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario


La terapia con cellule T esprimenti il recettore chimerico per l'antigene ( CAR-T ) diretta all'antigene di maturazione delle cellule B ( BCMA ) ha dimostrato di avere attività nei pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario.
I rapporti hanno indicato che un piccolo sottogruppo di cloni del mieloma meno differenziati esprimono CD19 e la terapia con cellule CAR-T anti-CD19 ha mostrato attività in alcuni di questi pazienti.

Sono state valutate l'attività e la sicurezza di una combinazione di cellule CAR-T umanizzate anti-CD19 e anti-BCMA in pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario.

È stata condotta una sperimentazione di fase 2 in un singolo centro, a braccio singolo, presso l’Affiliated Hospital of Xuzhou Medical University in Cina.
I pazienti erano eleggibili se avevano un'età compresa tra 18 e 69 anni, avevano mieloma multiplo confermato istologicamente, un punteggio di prestazione Karnofsky di almeno 50 punti e soddisfacevano i criteri diagnostici IMWG ( International Myeloma Working Group ) per le malattie recidivate o refrattarie.

Fludarabina ( 3 dosi giornaliere di 30 mg/m2 ) e Ciclofosfamide ( una dose giornaliera di 750 mg/m2 ) sono state utilizzate per la deplezione dei linfociti prima dell'infusione di cellule CAR-T anti-CD19 umanizzate ( 1 x 106 cellule per kg ) e cellule CAR-T murine anti-BCMA ( 1 x 106 celle per kg ).

L'esito primario era la percentuale di pazienti che hanno ottenuto una risposta globale. Le risposte sono state valutate in base ai criteri IMWG.

Dal 2017 al 2019, sono stati arruolati 22 pazienti, 21 hanno ricevuto un'infusione di cellule CAR-T ed erano valutabili per analisi di sicurezza e attività.

A un follow-up mediano di 179 giorni, 20 pazienti su 21 ( 95% ) hanno presentato una risposta globale, tra cui 9 risposte complete rigorose ( 43% ), 3 risposte complete ( 14% ), 5 risposte parziali molto buone ( 24% ) e 3 risposte parziali ( 14% ).

Gli eventi avversi più comuni includevano la sindrome da rilascio di citochine ( 19 su 21, 90% ), includendo 18 pazienti ( 86% ) con sindrome da rilascio di citochine di grado 1-2.
Gli eventi avversi gravi più comuni sono stati tossicità ematologiche, che si sono verificate in 20 pazienti su 21 ( 95% ).
Gli eventi avversi comuni di grado 3 o superiore comprendevano neutropenia ( 18, 86% ), anemia ( 13, 62% ) e trombocitopenia ( 13, 62% ).

Un paziente è deceduto a causa di emorragia cerebrale, considerata correlata a trombocitopenia sostenuta.
Nessun decesso è stato correlato al trattamento.

I risultati hanno confermato che l'infusione combinata di cellule CAR-T umanizzate anti-CD19 e anti-BCMA è fattibile in pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario, e l'attività preliminare osservata merita ulteriori indagini in studi randomizzati.
Questa doppia combinazione di cellule CAR-T potrebbe essere un'opzione di trattamento promettente per il mieloma multiplo recidivante o refrattario. ( Xagena2019 )

Yan Z et al, Lancet Haematology 2019; 6: 521-529

Onco2019 Emo2019 Med2019



Indietro