Forum Infettivologico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Terapia CAR-T: la Commissione Europea ha concesso l'approvazione condizionale a Carvykti per il trattamento dei pazienti con mieloma multiplo recidivante e refrattario


La Commissione Europea ( CE ) ha concesso l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata per Carvykti ( Ciltacabtagene autoleucel; Cilta-cel ) per il trattamento degli adulti affetti da mieloma multiplo recidivante e refrattario ( RRMM ) che avevano ricevuto almeno tre terapie precedenti, tra cui un agente immunomodulatore ( IMiD ), un inibitore del proteasoma ( PI ) e un anticorpo anti-CD38, con progressione della malattia nel corso dell'ultima terapia.

Cilta-cel è una terapia CAR-T con due anticorpi a dominio singolo mirati all'antigene di maturazione dei linfociti B ( BCMA ). La terapia CAR-T è specificatamente sviluppata per ogni singolo paziente e viene somministrata in un'unica infusione.

L'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata ( CMA ) è l'approvazione di un medicinale che affronta le esigenze mediche insoddisfatte dei pazienti sulla base di dati meno completi di quelli normalmente richiesti, in cui il vantaggio dell'immediata disponibilità del medicinale supera il rischio, e il richiedente è in grado di fornire informazioni cliniche complete in futuro.
La CMA è stata supportata dallo studio cardine CARTITUDE-1, che ha riguardato i pazienti che avevano ricevuto una mediana di sei precedenti regimi di trattamento ( intervallo, 3-18 ) e avevano precedentemente ricevuto un immunomodulatore, un inibitore del proteasoma e un anticorpo monoclonale anti-CD38.

I risultati presentati all'incontro annuale 2021 dell'American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) avevano mostrato che a una durata mediana di 18 mesi di follow-up ( intervallo, 1.5–30.5 ), il trattamento una tantum con Cilta-cel ha prodotto risposte profonde e durature, con il 98% ( IC 95%, 92.7-99.7 ) dei pazienti che ha risposto alla terapia ( tasso di risposta globale [ ORR ]: 98%; n=97 ).
In particolare, l'80% dei pazienti ha ottenuto una risposta completa stringente ( sCR ), una misura in cui un medico non è in grado di osservare alcun segno o sintomo di malattia tramite imaging o altri test dopo il trattamento.

La sicurezza di Cilta-cel è stata valutata in 179 pazienti adulti in due studi clinici in aperto ( MMY2001 e MMY2003 ).
Le reazioni avverse più comuni ( maggiori o uguali al 20% ) sono state: neutropenia ( 91% ), sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) ( 88% ), piressia ( 88% ), trombocitopenia ( 73% ), anemia ( 72% ), leucopenia ( 54% ), linfopenia ( 45% ), dolore muscoloscheletrico ( 43% ), ipotensione ( 41% ), affaticamento ( 40% ), aumento delle transaminasi ( 37% ), infezione delle vie respiratorie superiori ( 32% ), diarrea ( 28 % ), ipocalcemia ( 27% ), ipofosfatemia ( 26% ), nausea ( 26% ), cefalea ( 25% ), tosse ( 25% ), tachicardia ( 23% ), brividi ( 23% ), encefalopatia ( 22% ), diminuzione dell'appetito ( 22% ), edema ( 22% ) e ipokaliemia ( 20% ).

Il profilo di efficacia e sicurezza a lungo termine di Cilta-cel è in fase di valutazione nello studio CARTITUDE-1, in corso.
I risultati del follow-up a 2 anni hanno mostrato che il 98% dei pazienti trattati con Cilta-cel per mieloma multiplo recidivato / refrattario ha risposto alla terapia, e la maggior parte dei pazienti ha raggiunto una sostenuta profondità di risposta.

Cilta-cel è un'immunoterapia a cellule T autologhe geneticamente modificate, diretta contro BCMA, che prevede la riprogrammazione dei linfociti T del paziente con un transgene che codifica per un recettore dell'antigene chimerico ( CAR ) che identifica ed elimina le cellule che esprimono BCMA.
BCMA è espresso principalmente sulla superficie delle cellule del lignaggio B del mieloma multiplo maligno, nonché delle cellule B e delle plasmacellule allo stadio avanzato.
La proteina CAR di Cilta-cel presenta due anticorpi a dominio singolo mirati a BCMA, progettati per conferire un'elevata avidità contro il BCMA umano.
Dopo essersi legato alle cellule che esprimono BCMA, la proteina CAR promuove l'attivazione delle cellule T, la loro espansione e l'eliminazione delle cellule bersaglio.

In Europa, nel 2020 a più di 50.900 persone è stato diagnosticato un mieloma multiplo e più di 32.500 pazienti sono morti.
Sebbene alcuni pazienti con mieloma multiplo inizialmente non presentino sintomi, la maggior parte dei pazienti viene diagnosticata a causa di sintomi, che possono includere frattura o dolore osseo, bassa conta degli eritrociti, stanchezza, livelli elevati di calcio o insufficienza renale. ( Xagena2022 )

Fonte: Janssen Pharmaceutical, 2022

Emo2022 Onco2022 Med2022 Farma2022


Indietro