Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Terapia CAR-T: Brexu-Cel ha mostrato risposte durature al follow-up di 3 anni nello studio ZUMA-2 per il linfoma mantellare recidivante / refrattario


Brexucabtagene autoleucel ( Brexu-cel; Tecartus ) ha continuato a mostrare risposte durature e a lungo termine nei pazienti con linfoma mantellare recidivante / refrattario, secondo i risultati del follow-up di 3 anni dello studio di fase 2 ZUMA-2.

A un follow-up mediano di 35.6 mesi, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 91.0% ( IC 95%, 81.8-96.7% ) tra i 68 pazienti trattati, di cui il 68.0% ( IC 95%, 55.2-78.5% ) ha presentato una risposta completa ( CR ) e il 24.0% ( IC 95%, 14.1-35.4% ) una risposta parziale ( PR ).
La durata mediana della risposta ( DoR ) è stata di 28.2 mesi ( IC 95%, 13.5-47.1 ), la sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) è stata di 25.8 mesi ( IC 95%, 9.6-47.6 ) e la sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata di 46.6 mesi ( IC 95%, 24.9 – non-stimabile ).

Un totale di 74 pazienti erano stati arruolati e sottoposti a leucoaferesi, 68 di questi avevano ricevuto un trattamento completo.

Nell'analisi aggiornata, dopo la malattia iniziale stabile o la risposta parziale ( PR ), 25 pazienti sono passati a risposta completa, con il tempo mediano di conversione della risposta di 2.3 mesi.
Al cut-off dei dati, la durata mediana della risposta era di 46.7 mesi per i pazienti che presentavano una risposta completa ( n = 46 ) e 2.2 mesi per i pazienti con una risposta parziale ( n = 16 ).
Dei primi 28 pazienti trattati, il follow-up mediano è stato di 51.1 mesi; la durata mediana della risposta era di 36.5 mesi in 26 responder e il 29% ha presentato una risposta continua.

Per i pazienti la cui migliore risposta era la risposta completa, la sopravvivenza mediana senza progressione è stata di 48.0 mesi.
Per quelli con una risposta parziale la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata pari a 3.1 mesi e 2.3 mesi senza risposta.
Alla visita della settimana 4 dopo l'infusione, il 94% dei pazienti ha ottenuto una risposta, seguita da un'analisi di riferimento che ha valutato la sopravvivenza libera da progressione in base al tipo di risposta. La sopravvivenza PFS mediana per coloro la cui migliore risposta era una risposta completa è stata di 46.7 mesi, 13.6 mesi per una risposta parziale e 11.0 mesi senza risposta.
L'incidenza cumulativa di recidiva durante il follow-up ha confermato che i pazienti che avevano una risposta completa come migliore risposta presentavano meno probabilità di recidiva rispetto a quelli con risposta parziale o nessuna risposta ( P inferiore a 0.0001 ).

La sopravvivenza globale mediana nei pazienti la cui migliore risposta era una risposta completa non è stata raggiunta ed è stata di 16.3 mesi per una risposta parziale e 8.5 mesi per nessuna risposta.

La malattia minima residua ( MRD ) è stata valutata in 19 pazienti a 6 mesi; nel 79% era MRD-negativa con un tasso di risposta globale del 100%.
Tra coloro che erano MRD-positivi, 2 hanno raggiunto una risposta completa, 1 ha ottenuto una risposta parziale e 1 ha manifestato malattia progressiva.
Inoltre, nella popolazione MRD-positiva, la durata mediana della malattia era di 6.1 mesi, la sopravvivenza mediana senza progressione di 7.1 mesi e la sopravvivenza mediana globale di 27.0 mesi.
Per coloro che erano MRD-negativi, i valori mediani di durata della risposta, sopravvivenza PFS e sopravvivenza OS non sono stati raggiunti al cut-off dei dati, e il 60% ha avuto una risposta continua.

Nella popolazione intent-to-treat ( ITT ), il tasso ORR era dell'84.0% ( IC 95%, 73.4-91.3% ), incluso un tasso di risposta completa del 62.0% ( IC 95%, 50.1-73.2% ) e un tasso di risposta parziale del 22.0% ( IC 95%, 12.9-32.7% ).
La sopravvivenza PFS mediana è stata di 24.0 mesi e il tasso di sopravvivenza PFS a 24 mesi è stato del 49.0%.
Inoltre, la sopravvivenza OS mediana in questa popolazione è stata pari a 47.4 mesi, con un tasso di sopravvivenza OS a 24 mesi del 56.0%.

Non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza durante un follow-up più lungo.
Gli eventi avversi di grado 3 o superiore più frequenti sono stati: la neutropenia con l'1% dei pazienti di grado 3 e il 10% di eventi di grado 4.
Eventi avversi gravi di grado 3 o superiore sono stati riportati nel 10% dei pazienti, con 1 paziente con encefalopatia di grado 3 non-correlata al trattamento.
Due pazienti hanno manifestato eventi avversi gravi correlati al trattamento, di cui 1 con polmonite di grado 3 e infezione delle vie respiratorie superiori di grado 3, e 1 con influenza di grado 3.

Un totale di 3 pazienti ha manifestato eventi avversi fatali che includevano batteriemia da Salmonella iniziata a 24.9 mesi, sindrome mielodisplastica che si è verificata a 25.2 mesi e leucemia mieloide acuta che si è verificata a 37.5 mesi. ( Xagena2022 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2022

Emo2022 Onco2022 Med2022 Farma2022


Indietro