Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Tecartus: il primo e unico trattamento CAR-T per il linfoma mantellare recidivante o refrattario, approvato dalla FDA


La US Food and Drug Administration ( FDA ) ha concesso l'approvazione accelerata a Tecartus ( Brexucabtagene autoleucel, precedentemente noto come KTE-X19 ), la prima e unica terapia CAR-T approvata per il trattamento dei pazienti adulti con linfoma mantellare ( MCL ) recidivante o refrattario.
Tecartus è una terapia CAR-T diretta contro l'antigene CD19.
L'approvazione di questa terapia si basa sui risultati di ZUMA-2, uno studio a braccio singolo, in aperto, in cui l'87% dei pazienti ha risposto a una singola infusione di Tecartus, tra cui il 62% dei pazienti che hanno raggiunto una risposta completa ( CR ).
Tra i pazienti valutabili per la sicurezza, il 18% ha sperimentato la sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) di grado 3 o superiore e il 37% ha sperimentato tossicità neurologiche di grado 3 o superiore.

Tecartus ha un un Boxed Warning inserito nella scheda tecnica riguardante i rischi della sindrome da rilascio di citochine e le tossicità neurologiche.
Una strategia REMS ( valutazione e mitigazione del rischio ) è stata approvata dalla FDA per Tecartus ed è stata combinata con il REMS di Yescarta ( Axicabtagene ciloleucel ).

Tecartus sarà prodotto nello stabilimento di produzione commerciale di Kite a El Segundo, in California. Nella sperimentazione ZUMA-2, Kite ha dimostrato un tasso di successo nella produzione del 96% e un tempo di consegna mediano di 15 giorni dalla leucaferesi alla consegna del prodotto. La velocità di produzione è particolarmente critica per i pazienti con malattia avanzata, che sono a rischio di rapida progressione.

Lo studio ZUMA-2 ha arruolato 74 pazienti adulti con linfoma a cellule del mantello recidivante o refrattario che avevano precedentemente ricevuto la chemioterapia contenente antraciclina o Bendamustina, una terapia con anticorpi anti-CD20 e un inibitore della tirosin-chinasi di Bruton ( Ibrutinib o Acalabrutinib ).
L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) secondo la classificazione di Lugano ( 2014 ), definito come il tasso combinato di risposte complete e risposte parziali valutato da un Comitato di revisione radiologica indipendente ( IRRC ).
Nello studio, l'87% dei pazienti ( n = 60 valutabili per l'analisi di efficacia ) ha risposto a una singola infusione di Tecartus, incluso il 62% dei pazienti che hanno ottenuto una risposta completa.
Tra tutti i pazienti, il follow-up è stato di almeno 6 mesi dopo la loro prima risposta obiettiva alla malattia.
La durata mediana della risposta non è stata ancora raggiunta.
Nello studio, il 18% dei pazienti ( n = 82 valutabili per la sicurezza ) ha manifestato sindrome da rilascio di citochine di grado 3 o superiore e il 37% ha avuto eventi neurologici.
Le reazioni avverse più comuni ( 10% o più ) di grado 3 o superiore sono state: anemia, neutropenia, trombocitopenia, ipotensione, ipofosfatemia, encefalopatia, leucopenia, ipossia, piressia, iponatremia, ipertensione, infezione da agenti patogeni non-specificati, polmonite, ipocalcemia e linfopenia.

Il linfoma mantellare è una rara forma di linfoma non-Hodgkin ( NHL ) che deriva da cellule originarie della zona del mantello del linfonodo e colpisce prevalentemente gli uomini di età superiore ai 60 anni. Il linfoma mantellare è altamente aggressivo dopo la ricaduta, con molti pazienti che progrediscono dopo la terapia. ( Xagena2020 )

Fonte: Gilead, 2020

Emo2020 Onco2020 Med2020



Indietro