Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Ematobase.it

Sicurezza ed efficacia delle cellule progenitrici multipotenti adulte nell'ictus ischemico acuto: studio MASTERS


Le cellule progenitrici adulte multipotenti sono un prodotto della terapia cellulare allogenica derivata dal midollo osseo che modula il sistema immunitario e rappresenta una terapia promettente per l'ictus acuto.
È stata identificata la singola dose più elevata, meglio tollerata e più sicura di cellule progenitrici adulte multipotenti e si è determinato se fosse efficace come trattamento per il recupero dall'ictus.

È stato effettuato uno studio di fase 2, randomizzato e controllato con placebo, in doppio cieco, e con aumento della dose di cellule progenitrici per via endovenosa multipotenti in 33 Centri nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

I pazienti di età compresa tra 18 e 83 anni con ictus ischemico acuto moderatamente grave e un punteggio NIHSS ( National Institutes of Health Stroke Scale ) di 8-20 al trattamento con cellule progenitrici adulte multipotenti endovenose ( 400 milioni o 1.200 milioni di cellule ) o placebo tra 24 ore e 48 ore dopo l'insorgenza dei sintomi.

I pazienti non erano eleggibili se vi era un cambiamento alla scala NIHSS di 4 o più punti durante almeno un periodo di 6 ore tra lo screening e la randomizzazione, infarto del tronco cerebrale o infarto lacunare, una sostanziale malattia in comorbilità, impossibiltà di sottoporsi a risonanza magnetica o una storia di splenectomia.

Nel gruppo 1, i pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere 400 milioni di cellule oppure placebo, e sono stati valutati per la sicurezza entro 7 giorni.
Nel gruppo 2, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 1.200 milioni di cellule o placebo, e sono stati valutati per la sicurezza nei primi 7 giorni.
Nel gruppo 3, i pazienti sono stati arruolati, assegnati in modo casuale e stratificati per punteggio NIHSS di base a ricevere 1.200 milioni di cellule o placebo entro 24-48 ore.

L'esito primario sulla sicurezza era costituito da effetti di tossicità limitanti la dose.
L'endpoint primario di efficacia era il recupero globale dall'ictus, combinando i risultati dalla scala Rankin modificata, il cambiamento nel punteggio NIHSS dal basale e l'indice di Barthel al giorno 90.

L'analisi era intention-to-treat ( ITT ), e ha incluso tutti i pazienti nei gruppi 2 e 3 che hanno ricevuto l'agente dello studio o il placebo.

Lo studio è stato condotto tra il 2011 e il 2015.

Dopo valutazioni di sicurezza in 8 pazienti del gruppo 1, 129 pazienti sono stati assegnati in modo casuale ( 67 a ricevere cellule progenitrici adulte multipotenti e 62 a ricevere placebo ) nei gruppi 2 e 3 ( 1.200 milioni di cellule ).

Le popolazioni ITT consistevano di 65 pazienti che hanno ricevuto cellule progenitrici adulte multipotenti e 61 pazienti che hanno ricevuto placebo.

Non ci sono stati eventi di tossicità limitanti la dose in nessuno dei due gruppi. Non ci sono state reazioni infusionali o allergiche e nessuna differenza negli eventi avversi emergenti dal trattamento tra i gruppi ( 64 su 65 pazienti, 99%, nel gruppo di cellule progenitrici adulte multipotenti vs 59 su 61, 97%, nel gruppo placebo ).

Non c'è stata differenza tra il gruppo di cellule progenitrici adulte multipotenti e i gruppi placebo nel recupero globale dall’ictus al giorno 90 ( odds ratio, OR=1.08; P=0.83 )

La somministrazione di cellule progenitrici multipotenti adulte è risultata sicura e ben tollerata in pazienti con ictus ischemico acuto.
Sebbene non siano stati osservati miglioramenti significativi a 90 giorni negli esiti neurologici con il trattamento con cellule progenitrici adulte multipotenti, sono stati pianificati ulteriori studi clinici per valutare l'efficacia dell'intervento in una finestra temporale più vicina all’ictus ( meno di 36 ore ). ( Xagena2017 )

Hess DC et al, Lancet Neurol 2017; 16: 360-368

Neuro2017



Indietro