XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa
Reumabase.it

Ruxolitinib per la malattia da trapianto contro l'ospite acuta refrattaria ai glucocorticoidi


La malattia acuta da trapianto contro l'ospite ( GVHD ) rimane una delle principali limitazioni del trapianto allogenico di cellule staminali; non tutti i pazienti hanno una risposta al trattamento con glucocorticoidi standard.
In uno studio di fase 2, Ruxolitinib ( Jakavi ), un inibitore selettivo della Janus chinasi ( JAK1 e JAK2 ), ha mostrato una potenziale efficacia nei pazienti con malattia GVHD acuta refrattaria ai glucocorticoidi.

È stato condotto uno studio multicentrico, randomizzato, in aperto, di fase 3, confrontando l'efficacia e la sicurezza di Ruxolitinib orale ( 10 mg due volte al giorno ) con la scelta della terapia da parte dello sperimentatore da un elenco di 9 opzioni ( controllo ) comunemente utilizzate nei pazienti di 12 anni di età o più anziani con malattia GVHD acuta refrattaria ai glucocorticoidi dopo trapianto allogenico di cellule staminali.

L'endpoint primario era la risposta globale ( risposta completa o risposta parziale ) al giorno 28.
L'endpoint secondario chiave era una risposta globale duratura al giorno 56.

In totale 309 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione; 154 pazienti sono stati assegnati al gruppo Ruxolitinib e 155 al gruppo di controllo.
La risposta complessiva al giorno 28 è stata più elevata nel gruppo Ruxolitinib rispetto al gruppo di controllo ( 62%, 96 pazienti, vs 39%, 61; odds ratio, OR=2.64; P minore di 0.001 ).

La risposta complessiva duratura al giorno 56 è stata più elevata nel gruppo Ruxolitinib rispetto al gruppo di controllo ( 40%, 61 pazienti, vs 22%, 34; OR=2.38; P minore di 0.001 ).
L'incidenza cumulativa stimata della perdita di risposta a 6 mesi è stata del 10% nel gruppo Ruxolitinib e del 39% nel gruppo di controllo.

La sopravvivenza mediana libera da fallimento è stata considerevolmente più lunga con Ruxolitinib rispetto al controllo ( 5.0 mesi vs 1.0 mesi; hazard ratio per recidiva o progressione della malattia ematologica, decesso non-correlato alla recidiva, o aggiunta di nuova terapia sistemica per GVHD acuta, HR=0.46 ).

La sopravvivenza globale mediana è stata di 11.1 mesi nel gruppo Ruxolitinib e 6.5 mesi nel gruppo di controllo ( hazard ratio per la mortalità, HR=0.83 ).

Gli eventi avversi più comuni fino al giorno 28 sono stati trombocitopenia ( in 50 su 152 pazienti, 33%, nel gruppo Ruxolitinib e 27 su 150, 18%, nel gruppo di controllo ), anemia ( in 46, 30%, e 42, 28%, rispettivamente ) e infezione da citomegalovirus ( in 39, 26%, e 31, 21% ).

La terapia con Ruxolitinib ha portato a significativi miglioramenti negli esiti di efficacia, con una maggiore incidenza di trombocitopenia, l'effetto tossico più frequente, rispetto a quella osservata con la terapia di controllo. ( Xagena2020 )

Zeiser R et al, N Engl J Med 2020; 382: 1800-1810

Emo2020 Med2020 Farma2020


Indietro