Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Neurobase.it

Modelli sperimentali di sclerosi multipla: valutazione preclinica del pathway PI3K/Akt/mTOR


Il pathway PI3K/Akt/mTOR è un percorso di segnalazione intracellulare che regola l'attivazione cellulare, la proliferazione, il metabolismo e l'apoptosi.
Un numero crescente di dati suggerisce che le alterazioni del pathway PI3K/Akt/mTOR possono determinare una maggiore suscettibilità all'autoimmunità.

La sclerosi multipla è una delle più comuni malattie infiammatorie croniche del sistema nervoso centrale che porta alla demielinizzazione e alla neurodegenerazione.

Ricercatori hanno dapprima valutato in silico il coinvolgimento del network mTOR sulla generazione e sulla progressione della sclerosi multipla e sulla funzione degli oligodendrociti, facendo uso dei dati di trascrittomica dell'intero genoma attualmente disponibili.

I dati generati in silico sono stati sottoposti a una valutazione ex-vivo. A tale scopo, il coinvolgimento di mTOR è stato convalidato mediante un modello animale ben noto di sclerosi multipla e in vitro su cellule Th17.

E' emerso un coinvolgimento significativo del network mTOR nell'eziopatogenesi della sclerosi multipla; il trattamento con Rapamicina potrebbe pertanto rappresentare un utile approccio terapeutico in questo contesto clinico.

Inoltre, i dati hanno mostrato che un coinvolgimento significativo del network mTOR potrebbe essere osservato solo nelle prime fasi della maturazione degli oligodendrociti, ma non nel processo di maturazione degli oligodendrociti adulti e nel processo di rimielinizzazione dopo la lesione demielinizzante.

Complessivamente, lo studio ha dimostrato che il targeting del pathway PI3K/mTOR, sebbene possa non essere un utile approccio terapeutico per promuovere la rimielinizzazione nei pazienti con sclerosi multipla, potrebbe essere utilizzato per esercitare immunomodulazione, prevenire / ritardare le recidive, e per rallentare la progressione della disabilità. ( Xagena2018 )

Mammana S et al, Oncotarget 2018; 9: 8263-8277

Neuro2018 Med2018



Indietro