Ematologia.net
Gastroenterologia.net
OncologiaMedica.net
Neurologia

Linfociti CAR-T per i linfomi a cellule B refrattari


I pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B o linfoma follicolare refrattario o recidivante dopo immunochemioterapia e trapianto hanno una prognosi infausta.
Sono stati riportati alti tassi di risposta con l'uso di cellule T modificate con recettore chimerico dell'antigene ( CAR ) che hanno come bersaglio CD19 nei tumori a cellule B, sebbene i dati relativi ai linfomi a cellule B siano limitati.

Sono state utilizzate cellule T autologhe che esprimevano un CAR CD19-mirato ( CTL019 ) per il trattamento di pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B o linfoma follicolare che aveva recidivato o era refrattario ai trattamenti precedenti.

I pazienti sono stati monitorati per la risposta al trattamento, gli effetti tossici, l'espansione e la persistenza delle cellule CTL019 in vivo e il recupero immunitario.

In totale 28 pazienti adulti con linfoma hanno ricevuto cellule CTL019 e 18 su 28 hanno avuto una risposta ( 64% ).
La remissione completa si è verificata in 6 su 14 pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B ( 43% ) e in 10 su 14 pazienti con linfoma follicolare ( 71% ).

Le cellule CTL019 sono proliferate in vivo e sono state rilevabili nel sangue e nel midollo osseo di pazienti che hanno avuto una risposta e pazienti che non hanno avuto una risposta.

Sono state raggiunte remissioni sostenute, e a un follow-up mediano di 28.6 mesi, l'86% dei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B che avevano avuto una risposta e l’89% dei pazienti con linfoma follicolare che avevano avuto una risposta hanno mantenuto la risposta.

La sindrome da rilascio di citochine, forma grave, si è verificata in 5 pazienti ( 18% ).
L’encefalopatia grave si è verificata in 3 pazienti ( 11% ); 2 casi sono stati auto-limitanti e 1 caso è stato fatale.

Tutti i pazienti in completa remissione entro 6 mesi sono rimasti in remissione a 7.7-37.9 mesi ( mediana, 29.3 mesi ) dopo l’induzione, con una ricomparsa sostenuta delle cellule B in 8 su 16 pazienti e con miglioramento dei livelli di IgG in 4 su 10 pazienti e dei livelli di IgM in 6 su 10 pazienti a 6 mesi o più tardi e dei livelli di IgA in 3 su 10 pazienti a 18 mesi o più tardi.

In conclusione, le cellule CTL019 possono essere efficaci nel trattamento del linfoma a grandi cellule B diffuso o refrattario e del linfoma follicolare.
Sono stati osservati alti tassi di remissione duratura, con recupero di cellule B e immunoglobuline in alcuni pazienti.
L’encefalopatia transitoria si è sviluppata in circa 1 su 3 pazienti e la sindrome da rilascio di citochine grave si è sviluppata in 1 su 5 pazienti. ( Xagena2017 )

Schuster SJ et al, N Engl J Med 2017; 377: 2545-2554

Emo2017 Onco2017 Med2017



Indietro