Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Farmaexplorer.it

Infusione delle cellule mesenchimali stromali autologhe come trattamento aggiuntivo in pazienti con tubercolosi con resistenza intensiva a farmaci multipli


Sono necessarie con urgenza nuove opzioni di trattamento per la tubercolosi con resistenza a farmaci multipli ed estensivamente farmaco-resistente, associata a disfunzione immunitaria e scarsi esiti del trattamento.

Le cellule stromali mesenchimali presentano attività immunomodulatoria e l’aggiunta di trattamento autologo con cellule stromali mesenchimali derivate dal midollo osseo potrebbe migliorare l’esito clinico trasformando l’infiammazione cronica in risposte immunitarie produttive.

È stato condotto uno studio allo scopo di valutare la sicurezza dell’infusione di cellule stromali mesenchimali autologhe come aggiunta al trattamento in pazienti con tubercolosi.

In totale, 30 pazienti con tubercolosi con resistenza a farmaci multipli ed estensivamente farmaco-resistente confermata microbiologicamente sono stati trattati con una singola dose di cellule mesenchimali stromali autologhe derivate dal midollo osseo [ 1×10(6) cellule per kg ], entro 4 settimane dall’inizio del trattamento con farmaci antitubercolari in un Centro specialistico di Minsk, in Bielorussia.

Sono stati inclusi i pazienti con tubercolosi polmonare confermata da analisi al microscopio dello sputo, analisi colturali o entrambi; con tubercolosi con resistenza a farmaci multipli ed estensivamente farmaco-resistente confermata da test di suscettibilità ai farmaci di prima e seconda linea; con età superiore a 21 anni e fino a 65 anni e assenza di lesioni compatibili con un processo maligno o con tubercolosi in atto in organi diversi da polmoni e pleura.

In aggiunta ai criteri di inclusione, i pazienti sono stati esclusi se erano in stato di gravidanza, coinfettati con virus HIV o infettati con virus da epatite B ( HBV ), C ( HCV ) o entrambi.

L’endpoint primario era la sicurezza misurata in base a eventi legati all’infusione di cellule stromali mesenchimali; qualunque evento legato alla tubercolosi entro il periodo di osservazione di 6 mesi che correlava con un peggioramento della malattia infettiva sottostante, misurata in base alla conversione della coltura di Mycobacterium tuberculosis o da esame microscopico; o qualunque evento avverso definito clinicamente o in base al cambiamento in variabili ematologiche e biochimiche, misurate mensilmente per 6 mesi dopo l’infusione per protocollo.

Gli eventi avversi più comuni ( grado 1 o 2 ) sono stati: alti livelli di colesterolo ( 14 su 30 pazienti ), nausea ( 11 su 30 pazienti ) e linfopenia o diarrea ( 10 su 30 pazienti ).

Non sono stati riportati eventi avversi gravi.

Sono stati registrati 2 eventi transitori di grado 3: aumento della concentrazione di ioni potassio nel plasma in un paziente e aumento di grado 3 della gamma-glutamiltransferasi in un altro paziente.

In conclusione, le cellule stromali mesenchimali come terapia aggiuntiva sono sicure e possono ora essere ulteriormente studiate per il trattamento di pazienti con tubercolosi con resistenza a farmaci multipli ed estensivamente farmaco-resistente in combinazione con i regimi terapeutici standard.
Il trattamento aggiuntivo con cellule stromali mesenchimali deve essere valutato in studi controllati di fase 2 per valutare gli effetti sulle risposte immunitarie e gli esiti clinici e microbiologici. ( Xagena2014 )

Skrahin A et al, Lancet Respir Med 2014; 2: 108-122

Med2014 Pneumo2014 Inf2014


Indietro