Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Mediexplorer.it

Glioblastoma ricorrente trattato con Poliovirus ricombinante


La prognosi dei pazienti con glioma maligno ricorrente di grado IV secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità ( WHO ) è deludente e attualmente non esiste una terapia efficace.

È stato condotto uno studio di dose-finding e tossicità in questa popolazione di pazienti, valutando la somministrazione intratumorale del Polio-rhinovirus chimerico non-patogenetico ricombinante ( PVSRIPO ).
PVSRIPO riconosce il recettore CD155 del poliovirus, che è ampiamente espresso nelle cellule neoplastiche dei tumori solidi e nei componenti principali del microambiente tumorale.

Sono stati arruolati pazienti adulti consecutivi che presentavano glioma maligno ricorrente sopratentoriale di grado WHO IV, confermato su test istopatologici, con malattia misurabile ( tumore con potenziamento del contrasto maggiore o uguale a 1 cm e minore o uguale a 5.5 cm nella dimensione maggiore ).
Lo studio ha valutato 7 dosi, comprese tra 107 e 1.010 dosi infettive della coltura tissutale al 50% ( TCID50 ), prima in una fase di aumento della dose e poi in una fase di espansione della dose.

Dal 2012 al 2017, sono stati arruolati in totale 61 pazienti e hanno ricevuto una dose di PVSRIPO.

Il livello di dose -1 ( 5.0 x 107 TCID50 ) è stato identificato come dose di fase 2.

È stato osservato un effetto tossico limitante la dose; un paziente a cui è stato somministrato il livello di dose 5 ( 1010 TCID50 ) ha presentato una emorragia intracranica di grado 4 immediatamente dopo la rimozione del catetere.

Per attenuare l'infiammazione locoregionale del tumore infuso con l'uso prolungato di glucocorticoidi, il livello di dose 5 è stato ridimensionato per raggiungere la dose di fase 2.

Nella fase di espansione della dose, il 19% dei pazienti ha avuto un evento avverso correlato a PVSRIPO di grado 3 o superiore.

La sopravvivenza globale tra i pazienti che hanno ricevuto PVSRIPO ha raggiunto un plateau del 21% a 24 mesi che si è mantenuto a 36 mesi.

In conclusione, l'infusione intratumorale con PVSRIPO in pazienti con glioma maligno ricorrente di grado WHO IV ha confermato l'assenza di potenziale neurovirulenza.
Il tasso di sopravvivenza tra i pazienti che hanno ricevuto l'immunoterapia con PVSRIPO è stato più alto a 24 e 36 mesi rispetto al tasso tra i controlli storici. ( Xagena2018 )

Desjardins A et al, N Engl J Med 2018; 379: 150-161

Onco2018 Med2018 Farma2018


Indietro