Ibuprofene
Xagena Newsletter
Alliance Dermatite
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi

Follow-up a lungo termine della terapia con cellule T esprimenti un recettore chimerico antigenico anti-CD19


I recettori chimerici dell'antigene ( CAR ) anti-CD19 sono proteine di fusione artificiale che causano l'attivazione dei linfociti T specifici per CD19.
La durata delle remissioni e l'incidenza di eventi avversi a lungo termine sono fattori critici che determinano l'utilità della terapia con cellule CAR-T anti-CD19, ma il follow-up a lungo termine dei pazienti trattati con cellule CAR-T anti-CD19 è di solito limitato.

Uno studio ha fornito il follow-up più lungo dei pazienti in remissione dopo la terapia con cellule CAR-T anti-CD19.

Tra il 2009 e il 2015, sono stati somministrati 46 trattamenti con cellule CAR-T a 43 pazienti.
I pazienti avevano tumori maligni a cellule B recidivanti dei seguenti tipi: linfoma diffuso a grandi cellule B o linfoma primitivo del mediastino a cellule B ( DLBCL / PMBCL; n=28 ), linfoma a cellule B di basso grado ( n=8 ) o leucemia linfatica cronica ( CLL; n=7 ).
Ci si è concentrati sugli esiti a lungo termine di questi pazienti.

Il CAR utilizzato era FMC63-28Z; Axicabtagene ciloleucel utilizza lo stesso CAR. La chemioterapia di condizionamento con Ciclofosfamide e Fludarabina è stata somministrata prima delle cellule CAR-T.

Le percentuali dei trattamenti con cellule CAR-T risultanti in una durata della risposta ( DOR ) superiore a 3 anni sono state del 51% per tutti i trattamenti valutabili, del 48% per linfoma diffuso a grandi cellule B o linfoma primitivo del mediastino a cellule B, del 63% per linfoma di basso grado e del 50% per leucemia linfatica cronica.

La sopravvivenza mediana libera da eventi di tutti i 45 trattamenti valutabili è stata di 55 mesi.

Gli effetti avversi a lungo termine sono stati rari, ad eccezione della deplezione delle cellule B e dell'ipogammaglobulinemia.

I livelli mediani di picco di cellule CAR-positive nel sangue sono stati più alti tra i pazienti con una durata della risposta superiore a 3 anni ( 98/mcl ) rispetto ai pazienti con una durata della risposta inferiore a 3 anni ( 18/mcl, P=0.0051 ).

La remissione completa di una varietà di tumori dei linfociti B di durata maggiore o uguale a 3 anni si è verificata dopo il 51% di trattamenti valutabili con cellule CAR-T anti-CD19. Sono in corso remissioni fino a 9 anni.
Gli eventi avversi tardivi sono stati rari. ( Xagena2020 )

Cappell KM et al, J Clin Oncol 2020; 38: 3805-3815

Emo2020 Onco2020 Med2020 Farma2020


Indietro