Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Attività clinica dell'immunochemioterapia innescata con Olvimulogene nanivacirepvec nei pazienti pesantemente pretrattate con tumore all'ovaio resistente al Platino o refrattario al Platino: studio VIRO-15


Le pazienti con carcinoma all'ovaio resistente o refrattario al Platino ( PRROC ) hanno opzioni terapeutiche limitate, il che rappresenta una considerevole esigenza medica insoddisfatta.

Sono state valutate l'attività antitumorale e la sicurezza della viroterapia intraperitoneale ( IP ) con Olvimulogene Nanivacirepvec ( Olvi-Vec ) e della chemioterapia a base di Platino con o senza Bevacizumab nei pazienti con tumore all'ovaio resistente o refrattario al Platino.

Lo studio clinico VIRO-15, multisito, di fase 2, in aperto, non-randomizzato, ha arruolato pazienti con tumore ovarico resistente o refrattario al Platino con progressione della malattia dopo l'ultima linea terapeutica precedente nel periodo 2016-2019.
Il cut-off dei dati è stato il 31 marzo 2022, e i dati sono stati analizzati tra aprile 2022 e settembre 2022.

Olvimulogene nanivacirepvec è stato somministrato tramite un catetere per dialisi intraperitoneale temporaneo in 2 dosi giornaliere consecutive ( 3 x 10(9) pfu/die ) seguite da chemioterapia con doppietta a base di Platino con o senza Bevacizumab.

Gli esiti primari erano il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) tramite i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi, versione 1.1 e il test dell'antigene tumorale 125 ( CA-125 ) e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).
Gli esiti secondari includevano la durata della risposta ( DOR ), il tasso di controllo della malattia ( DCR ), la sicurezza e la sopravvivenza globale ( OS ).

Sono state arruolate 27 pazienti pesantemente pretrattate con cancro all'ovaio resistente al Platino ( n=14 ) o refrattario al Platino ( n=13 ). L’età media era di 62 anni.

La mediana delle linee terapeutiche precedenti era 4. Tutti le pazienti hanno completato sia le infusioni di Olvimulogene nanivacirepvec che la chemioterapia.
La durata mediana del follow-up è stata di 47.0 mesi.

Nel complesso, il tasso di risposta obiettiva secondo RECIST 1.1 è stato del 54%, con durata della risposta di 7.6 mesi ( IC 95%, 3,7-9,6 mesi ).
Il tasso di controllo della malattia è stato dell'88%.
Il tasso di risposta obiettiva di CA-125 è stato dell'85%.

La sopravvivenza mediana libera da progressione secondo RECIST 1.1 è stata di 11.0 mesi e il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi è stato del 77%.
La sopravvivenza mediana libera progressione è stata di 10.0 mesi nel gruppo resistente al Platino e 11.4 mesi nel gruppo refrattario al Platino.

La sopravvivenza mediana globale è stata di 15.7 mesi in tutti i pazienti, con una sopravvivenza globale mediana di 18.5 mesi nel gruppo resistente al Platino e 14.7 mesi nel gruppo refrattario al Platino.

Gli eventi avversi correlati al trattamento più frequenti ( qualsiasi grado, grado 3 ) sono stati piressia ( 63.0%, 3.7%, rispettivamente ) e dolore addominale ( 51.9%, 7.4%, rispettivamente ).
Non si sono verificati eventi avversi correlati al trattamento di grado 4, né interruzioni o decessi correlati al trattamento.

In questo studio clinico non randomizzato di fase 2, Olvimulogene nanivacirepvec seguito da chemioterapia a base di Platino con o senza Bevacizumab come immunochemioterapia ha dimostrato un tasso di risposta obiettiva e una sopravvivenza libera da progressione promettenti con un profilo di sicurezza gestibile nei pazienti con tumore all'ovaio resistente o refrattario al Platino.
Questi risultati che generano ipotesi giustificano un’ulteriore valutazione in uno studio di conferma di fase 3. ( Xagena2023 )

Holloway RW et al, JAMA Oncol 2023; 9: 903-908

Gyne2023 Onco2023 Med2023 Farma2023



Indietro